Lettera a Paolo Crepet da una madre: "Stanno uccidendo i sogni dei nostri figli"

rif. "Scuola, Crepet contro Azzolina: "Mi fa orrore che il Ministro mandi metà dei bambini a diventare autistici digitali"
Lo psichiatra Paolo Crepet sulla modalità di riapertura delle scuole in sicurezza annunciata dalla ministra M5S Michela Azzolina per settembre, con il potenziamento della didattica online

04/05/2020

https://www.la7.it/coffee-break/video/scuola-crepet-contro-azzolina-mi-fa-orrore-che-il-ministro-mandi-meta-dei-bambini-a-diventare-04-05-2020-322890

Continua a leggere

  • Visite: 1740

Appello al Presidente della Repubblica Italiana

Egregio Signor Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Lei è il Capo dello Stato e rappresenta l’unità nazionale. Lei è un giurista, ed è garante della Carta Costituzionale, e ha avuto anche l’onere e l’onore in passato di essere membro della Corte Costituzionale. Il Palazzo del Quirinale di Roma, ove Lei esercita le Sue funzioni importantissime per il Paese, riceve ogni anno decine di migliaia di lettere. Alcune sono appelli, altre storie dolorose, altre lettere di complimenti o auguri. Il Suo staff presidenziale (consiglieri, Segretario Generale, etc.) e Lei stesso non potete certamente rispondere a tutte. Me ne rendo conto. So che solo una frazione di esse, selezionata, riceve una risposta formale.
La mia lettera raccomandata scritta quasi tre anni fa con altri due genitori – Mauro Ottogalli padre di un danneggiato da vaccino, ed Ambra Fedrigo – giunse a destinazione ai primi di giugno 2017, il giorno stesso o poche ore successive al momento in cui Lei appose la sua firma sul Decreto 73/2017, promulgandolo. Era una testimonianza di cittadini e genitori, la nostra, ed anche una lettera in cui La mettevamo al corrente di alcuni fatti, rivolgendoLe un accorato appello.
Non abbiamo mai avuto risposta. Capisco a me e ad Ambra Fedrigo, ma nemmeno al Sig. Mauro Ottogalli Lei o la Sua Segreteria ha risposto, la cui vita è cambiata dopo che egli – in fiducia – si affidò una ventina di anni fa circa ai sanitari per la vaccinazione obbligatoria prevista per legge, ed il figlio subì poi un danno neurologico così grave, a seguito proprio della vaccinazione, che la Commissione Medico Ospedaliera interpellata non potè negare l’evidenza. Altri tempi. Altra sensibilità. Oggi è molto difficile o quasi impossibile avere il riconoscimento del nesso causale, a causa del clima di propaganda ipervaccinista che schiaccia la coscienza, umilia la dignità professionale dei medici, e glorifica il profitto ed il capitale privato del neoliberismo come massimo valore dei nostri tempi.

Continua a leggere

  • Visite: 481
Privacy Policy
Privacy Policy
Credits
Contatti
Blogspot